4 strategie per il ritorno a scuola dei bambini

A partire da marzo, si è fortemente acceso il dibattito in merito al ritorno a scuola che possa soddisfare un elenco vertiginoso di problemi: salute pubblica, istruzione e apprendimento, economia, lavoro. Adesso che lezioni sono iniziate, insegnanti ed educatori devono affrontare l’arduo compito di recuperare una situazione davvero complessa, considerando:

  • la perdita di apprendimento correlata all’emergenza COVID-19, che ha colpito in modo particolarmente duro gli studenti più poveri e quelli appartenenti a categorie più a rischio di esclusione sociale;
  • una situazione pregressa segnata da stress e ansia prolungati, spesso attraverso lezioni online condotte con difficoltà di tutti i tipi, da quelle organizzative a quelle tecnologiche;
  • mesi di difficoltà all’interno di famiglie preoccupate che difficilmente sono riuscite a contenere e rispondere alle esigenze di bambini e ragazzi, considerando che la violenza domestica è molto aumentata così come sintomatologie depressive, DOC, regressione e altre a carico della popolazione infantile.
Report Settembre 2020: https://comunicatopsi.org/report/

Per i riferimenti scientifici in merito, si veda il report dell’Osservatorio indipendente sulla salute e sul benessere mentale “Le conseguenze psicologiche del periodo pandemico su bambini e adolescenti ed azioni necessarie“.

L’alta discrezionalità delle scuole italiane potrebbe consentire ai dirigenti scolastici di avviare programmi proprio per riequilibrare il disagio dei mesi passati e rinforzare le capacità di resilienza dei piccoli e degli adolescenti. Un rapporto proveniente da un’indagine su 58 scuole americane sostenute dal NewSchools Venture Fund ha fornito dei risultati, anche quest’anno, coerenti con quelli precedenti del 2018 e 2019 , fornendo riflessioni sull’interdipendenza tra l’apprendimento socio-emotivo e scolastico degli studenti davvero interessanti.

Ciò che il report mette in luce è che, sebbene la pandemia abbia complicato il modo in cui le scuole debbano affrontare i bisogni socio-emotivi degli studenti, alcuni hanno adattato i loro modelli per compensare e rispondere alle esigenze emerse. La loro volontà di innovare può aiutare altre scuole a esplorare e attuare pratiche simili. Ecco i loro quattro risultati chiave, insieme alle domande che i dirigenti scolastici potrebbero considerare per una ripartenza funzionale.

1. Gli studenti che si sentono fisicamente ed emotivamente sicuri rendono di più

Per tre anni consecutivi, la sopracitata ricerca ha dimostrato che sentirsi al sicuro fisicamente ed emotivamente a scuola è il fattore più forte correlato al rendimento scolastico. 

Tutti e sette i fattori della cultura scolastica che vengono misurati (come il coinvolgimento degli studenti e le relazioni studente-insegnante) hanno un effetto sull’apprendimento socio-emotivo. Tuttavia, la sicurezza degli studenti è l’unica con un effetto positivo statisticamente significativo sul rendimento vero e proprio. Quando gli studenti valutano la loro scuola molto sicura, si stima che la differenza nel loro rendimento scolastico sia simile al passaggio dal 50° al 56° percentile nelle valutazioni regolamentate a livello nazionale.

Chiaramente, è stata prestata molta attenzione a proteggere gli studenti dal coronavirus, sia che ciò significhi tenerli a casa o riconfigurare le loro aule, rivedere gli orari delle lezioni, aggiornare i sistemi di ventilazione, fornire istruzioni per il lavaggio delle mani e altro; ma la sicurezza emotiva è altrettanto importante e deve essere coltivata indipendentemente dalla modalità di istruzione.

Gli studenti della Statesmen Preparatory Academy for Boys a Washington DC, hanno avviato programmi finalizzati a far stabilire relazioni affettuose, premurose e di fiducia; per loro è fondamentale che gli studenti si sentano emotivamente al sicuro e sviluppino un senso di appartenenza. Quando gli adulti vedono comportamenti che non sono in linea con i valori fondamentali della scuola, la loro prima risposta allo studente è di rassicurazione: “Non sarai sospeso; non lascerai la scuola. ” Quindi si elaborano accordi su cosa fare diversamente per andare avanti.

Gli studenti partecipano a una sessione di consulenza quotidiana in cui apprendono abilità socio-emotive. E sia gli studenti che gli insegnanti partecipano ai controlli mattutini e di fine giornata su come si sentono e se hanno ciò di cui sentono bisogno per imparare. La scuola fornisce supporto per la salute mentale al suo personale docente, prevalentemente uomini neri, attraverso la Georgetown University, in modo che possano elaborare il proprio trauma per supportare meglio gli studenti.

Quando gli insegnanti sono passati alla formazione a distanza a marzo, il team si è immediatamente concentrato sul mantenimento di forti relazioni con gli studenti. Hanno mappato quale membro della scuola avevesse il legame più forte con ogni studente e hanno assegnato ad ogni membro del personale cinque studenti con i quali fare il check-in durante le sessioni di consulenza programmate e per telefono. Ogni studente aveva almeno due punti di contatto al giorno da un membro del personale. L’intera comunità scolastica ha continuato a riunirsi online due volte al giorno per riunioni mattutine e check-in di fine giornata, proprio come prima della pandemia. Oltre il 95% degli studenti ha effettuato l’accesso ad attività di apprendimento ogni giorno durante l’apprendimento a distanza.

Nel creare un senso di sicurezza fisica ed emotiva per gli studenti (e il personale), i dirigenti scolastici e di sistema dovrebbero dunque chiedersi:

  • Come hai comunicato agli studenti e alle loro famiglie il tuo piano per mantenerli fisicamente ed emotivamente al sicuro? In che modo potresti creare opportunità per ascoltare e rispondere al feedback di studenti e famiglie sul piano e su come funziona?
  • La tua scuola ha già gruppi di supporto e servizi di consulenza disponibili? In caso contrario, come potresti crearli come parte del tuo piano di riapertura? I tuoi studenti hanno avuto accesso a queste risorse e si sono fidati degli adulti che le amministrano prima della transizione alla formazione a distanza? In caso contrario, come potresti rafforzarli in futuro?
  • Come potresti raccogliere le percezioni degli studenti sulla sicurezza e monitorare i cambiamenti di questi dati nel tempo? Come risponderà il tuo team alle tendenze nei dati?

2. Quando gli studenti credono che le loro capacità e abilità possano crescere con la pratica, è più probabile che ottengano risultati di apprendimento più elevati

Migliorare qualcosa, che si tratti di suonare il piano o imparare la biochimica, richiede pratica costante e concentrata. Gli studenti hanno maggiori probabilità di rimanere motivati ​​e persistere nel loro apprendimento quando credono che le loro conoscenze e abilità possano migliorare con lo sforzo e che gli errori siano un’opportunità di apprendimento, non un segno di fallimento. I risultati della ricerca sopra menzionata di quest’anno, hanno rafforzato l’importanza di una mentalità di crescita. Si stima che gli studenti con percezioni ben sviluppate della propria mentalità di crescita sperimentino una differenza nei risultati accademici simile al passaggio dal 50° al 63° percentile nelle valutazioni regolamentate a livello nazionale.

In un momento in cui è facile per gli studenti incolpare se stessi per aver lottato per progredire nel caos degli ultimi sei mesi, stabilire e mantenere una mentalità orientata allo sviluppo è fondamentale. Ci saranno certamente errori e battute d’arresto quando le scuole e gli insegnanti proveranno nuovi modi di insegnare e gli studenti tenteranno nuovi modi di apprendere. Inquadrarli come opportunità per risolvere problemi e persistere attraverso le avversità è l’essenza di cui è fatta la mentalità di crescita.

Comp Sci High nel South Bronx lavora esplicitamente per sviluppare la mentalità di sviluppo degli studenti aiutandoli a elaborare i fattori esterni che potrebbero farli dubitare delle proprie capacità. Ad esempio, quest’anno, l’intero orientamento della nona elementare mirava ad aiutare gli studenti a elaborare gli effetti della pandemia e capire perché la scuola ha bisogno di apparire così diversa quest’anno. Quindi, gli insegnanti sono passati a lezioni che hanno aiutato i bambini a identificare gli obiettivi a lungo termine, vedere la connessione tra quest’anno scolastico e quegli obiettivi e capire come diventeranno più indipendenti e guidati da sé quest’anno per raggiungere i loro obiettivi a breve e lungo termine. Tutto ciò è culminato in una serie di conferenze genitori-studenti-insegnanti in cui gli studenti hanno presentato la loro visione per l’anno al loro consulente e ai loro caregiver. Durante questo processo, gli insegnanti cercano di aiutare gli studenti a vedere le battute d’arresto e le sfide come inevitabili; sviluppare risposte ad essi fa parte del processo di apprendimento.

I dirigenti scolastici potrebbero chiedersi:

  • In che modo potresti supportare gli insegnanti a provare e valutare interventi e pratiche in classe basati sull’evidenza per promuovere una mentalità di sviluppo e crescita?
  • Quali passi puoi intraprendere per creare un ambiente in cui gli insegnanti si sentano a proprio agio a riflettere su aspetti della loro istruzione che potrebbero inibire lo sviluppo degli studenti di una mentalità di crescita?
  • Hai adottato un quadro comune per aiutare gli educatori a comprendere la mentalità di crescita attraverso una lente di equità?

3. È probabile che gli studenti che sviluppano modi per affrontare lo stress, le emozioni, i sentimenti e i comportamenti in diverse situazioni ottengano risultati scolastici migliori

Imparare a far fronte allo stress è una parte normale di uno sviluppo sano. Ma lo stress eccessivo e prolungato può essere debilitante. Con così tanti studenti di colore che gestiscono alti livelli di stress creati dalla tempesta perfetta di COVID-19 e dal razzismo persistente, è più importante che mai che le scuole li aiutino a sviluppare modi per affrontare il proprio stress, emozioni, sentimenti e comportamenti. Nelle scuole della ricerca, la percezione degli studenti delle proprie capacità di autogestione è associata a risultati di matematica e lettura superiori. L’analisi mostra che quando gli studenti vengono valutati in modo positivo, la differenza nel loro apprendimento è simile al passaggio dal 50° al 59° percentile nelle valutazioni di lettura e matematica regolamentate a livello nazionale.

Alla Zeta Charter Schools, una rete che attualmente serve i primi studenti delle elementari a New York City, gli insegnanti conducono lezioni sull’apprendimento socio-emotivo due volte a settimana e gli studenti condividono come hanno vissuto queste lezioni ogni venerdì durante il confronto. La prima lezione dell’anno è incentrata su “come identificare i tuoi sentimenti“, basata sulla convinzione che se gli studenti non sono in grado di identificare e nominare i loro sentimenti, non sapranno come reagire in modo appropriato. Ogni classe ha anche una “tana zen” con materiali sensoriali e altri strumenti per supportare gli studenti quando hanno bisogno di ulteriore aiuto per far fronte alle loro emozioni. Gli studenti usano anche i “Mood Meters”, sviluppati dal Yale Center for Emotional Intelligence, per mostrare ai loro insegnanti e compagni studenti come si sentono, cosa che possono aggiornare durante la giornata.

Nell’aiutare gli studenti a sviluppare meccanismi di coping, i dirigenti scolastici e di sistema dovrebbero chiedersi:

  • Come potresti incoraggiare pratiche che aiutino gli studenti a identificare e verbalizzare i loro sentimenti ed emozioni e sviluppare più tecniche per affrontarli?
  • In che modo gli insegnanti possono supportare gli studenti nella definizione degli obiettivi di apprendimento, nello sviluppo di piani per raggiungerli e nella riflessione sui loro progressi?
  • Qual è l’approccio del tuo distretto o scuola per sostenere quegli studenti e insegnanti che tornano a scuola con maggiore ansia e potrebbero aver bisogno di accedere ai servizi di salute mentale?

4. Una coppia di queste abilità è associata a risultati di apprendimento più elevati rispetto a qualsiasi singolo fattore culturale o competenza socio-emotiva

I risultati suggeriscono che la relazione con i risultati scolastici è maggiore quando gli studenti:

  • credono che le loro capacità e abilità possano crescere con lo sforzo e sentirsi fisicamente ed emotivamente al sicuro, oppure
  • credono che le loro capacità e abilità possano crescere con lo sforzo e sentono che i loro insegnanti si aspettano molto da loro in termini di impegno, persistenza e apprendimento.

Viene stimato che gli studenti che hanno una mentalità di crescita insieme ad un senso di sicurezza, dimostrino un apprendimento maggiore simile al passaggio dal 50° al 67° percentile nelle valutazioni normate a livello nazionale. Allo stesso modo, gli studenti che hanno una mentalità di crescita e delle aspettative rigorose, dimostrano molto un aumento dei risultati di apprendimento che si stimano essere simili al passaggio dal 50° al 66° percentile nelle valutazioni normate a livello nazionale.

La ricerca sta illuminando quali fattori specifici della cultura scolastica e le competenze socio-emotive accelereranno il successo scolastico. Sapere cosa sono e vedere come possono essere integrati nell’istruzione può aiutare gli educatori a concentrare il loro tempo, le loro energie e le loro risorse limitate sulla creazione di ambienti di apprendimento che supportino le molte dimensioni che gli studenti portano con sé a scuola, un obiettivo reso ancora più importante dalla crisi sanitaria e dagli eventi attuali che stiamo vivendo tutti.


Se vuoi ricevere gli aggiornamenti del mio blog (una volta alla settimana circa) direttamente sulla tua casella di posta elettronica, puoi inserire qui la tua email.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: